Ricerca

Visite al sito

Powered by Blogger.

Viandanti del blog

Carceri nel Medioevo - usi ed abusi, quando la cella diventava la propria tomba

 

Quaestio:

Sono una laureanda alle prese con la preparazione della tesi che tratta l'argomento della rieducazione in carcere. Dovendo analizzare l'aspetto storico, sono alla ricerca di informazioni riguardanti l'utilizzo del carcere nel periodo medievale.
di Chiara
 
 
Risposta:
 
Il carcere non prevedeva programmi di rieducazione e spesso e volentieri i carceri erano ambienti con condizioni igieniche infinitamente peggiori delle nostre trovandosi nei sotterranei dei palazzi o dei castelli dove vi erano prigionieri di ogni genere, da quelli politici a quelli di guerra, dai comuni ladri, ai personaggi scomodi di famiglie nemiche tra loro.
i prigionieri erano trattati con crudeltà e torturati spesso per nulla e alle donne erano riservati trattamenti peggiori di quelli inferti ad animali (stupri, ecc).
Questo è un quadro generale, per avere qualche dettaglio dovresti provare a guardare qualcosa sulle guerre nel Medioevo o anche solo su qualche monumento Medievale dell'epoca della tua città, dove le prigioni spesso e volentieri rimangono anche quando ci sono rimasti solo ruderi e poche mura.
spesso in questi due ambiti viene citato qualcosa sul trattamento dei prigionieri e altri dettagli sul carcere nel Medioevo, se pur poco dal momento che anche se nel Medioevo la tortura e la prigionia erano all'ordine del giorno, le cronache a noi pervenute sono in parte illeggibili o molto scarse. Vale la pena anche cercare su libri in biblioteca anche solo sull'argomento prigionia.

0 Commentarium:

Posta un commento